Misteri

Il mito dell’Arca di Noé

Pochi miti sono allo stesso tempo divertenti e seri come la storia di Noè, l’uomo cinquecinquenne che è stato chiesto di salvare il mondo, i coniglietti e tutto il resto. Con la sua nuova epica cinematografica d’inondazione, Darren Aronofsky aspira, tra le altre cose, a strappare Noè dalle grinfie dei vignettisti moderni. Ma anche i primi lettori erano in sintonia con le inflessioni oscuramente comiche della storia. Alcuni antichi interpreti hanno notato l’ironia costruita nell’introduzione di Noè nel racconto biblico: “Noè era un uomo giusto e puro nella sua generazione”. Questo elogio, hanno sottolineato i commentatori, non sta dicendo molto quando si considera che Noè era di un una generazione veramente ridicola, un periodo di tempo così profondamente inflazionato che, secondo altre fonti antiche, gli umani stavano facendo l’amore con pesci, uccelli e rettili – una generazione così vistosamente corrotta che l’unico modo per aiutarli era affogarli in massa e dimenticare che erano mai esistiti. Tra i peggiori dell’umanità, la Bibbia dice che Noè era il migliore.

Aronofsky fa uno sforzo impressionante per lanciare Noè come un eroe epico; fa un ottimo lavoro immaginando le complesse dinamiche familiari a bordo della nave, e ha abilmente riempito la narrativa spoglio ma suggestiva della Bibbia. (Cosa, dopo tutto, è la ragione per cui Noè diventa un uomo ubriaco e distrutto dopo che è emerso dall’arca?) La storia biblica, al contrario, sembra avere altre preoccupazioni: la logistica. Riceviamo cataloghi delle parti componenti della nave e del suo carico, le sue misurazioni e un riassunto della sua breve ma notevole carriera in mare. Il dramma della storia del diluvio nella Bibbia non si trova tanto nei conflitti morali dell’uomo quanto nel corpo della sua nave. Se stavi realizzando un film che fosse più letterale nella sua traduzione, probabilmente lo chiameresti “L’Arca”, piuttosto che “Noè”.

Molte persone dubitano della storia del Diluvio perché non pensano che ci siano prove, dopotutto sarebbe un evento unico nel suo genere. Alla maggior parte di noi è stato insegnato che tutto ciò che vediamo – erosione, vento, flusso d’acqua – è sempre avvenuto a un ritmo quasi costante per milioni di anni. Questa idea, chiamata uniformitarianismo, presuppone che, per la maggior parte, canyon e fossili, montagne e strati rocciosi, siano stati creati gradualmente per lunghi periodi di tempo. Il Grand Canyon, l’Himalaya, i bacini oceanici, sono venuti tutti dagli stessi processi che vediamo oggi praticamente alla stessa velocità.

Ma cosa succede se c’è un’altra spiegazione? Cosa succede se le prove suggeriscono un’immagine completamente diversa del passato della terra?

L’immagine dell’Arca di Noè che potresti aver visto nei libri per bambini o dipinta sui muri dei bambini è spesso piccola e stretta con teste di giraffa che sporgono dalla cima. Ma la vera Arca di Noè, quella descritta nella Bibbia, sarebbe stata di circa 510 piedi di lunghezza e 51 piedi di altezza e incredibilmente in grado di navigare anche nei mari più impervi. Questa è una nave che avrebbe potuto tenere al sicuro gli occupanti durante un anno di sofferenze. Durante il Diluvio, l’acqua che infuriava, sufficiente a coprire l’intera terra, trasformò il paesaggio, deposto strato su strato di sedimento e formò la maggior parte dei fossili che stiamo ancora scavando oggi. La terra mostra prove, non di cambiamenti graduali, ma di un evento traumatico improvviso che ha completamente trasformato il mondo e ci ha lasciato una straordinaria testimonianza del potere del nostro Creatore.

Ma questa distruzione non era senza scopo. Dio è amore, ma deve anche giudicare la malvagità. Il popolo dei giorni di Noè non si preoccupava della giustizia o faceva quello che sapeva essere giusto. Invece di vedere l’Arca che Noè stava costruendo come mezzo di fuga, respinsero l’idea di una tale catastrofe e furono lasciati fuori dalle mura salvifiche della nave. Noè fu salvato, non a causa delle Sue “buone azioni”, ma a causa della sola disposizione di Dio. Questo almeno è quello che credono gli appassionati di questo mito.

Henry Morris, autore di “The Biblical Basis for Modern Science” (Baker House, 1984), un testo creazionista, afferma che “L’arca doveva essere essenzialmente una scatola enorme progettata essenzialmente per la stabilità nelle acque del Diluvio piuttosto che per il movimento attraverso le acque. L’arca era più alta di un normale edificio a tre piani e circa una volta e mezzo più lunga di un campo di calcio.La capacità volumetrica totale era pari a 1.396.000 piedi cubici [39.500 metri cubi] … equivalente a 522 vetture ferroviarie standard, molto più che sufficiente spazio per trasportare due di tutti i tipi noti di animali, viventi o estinti. ”

I difetti nei calcoli di Morris diventano evidenti quando si considera che, secondo molti creazionisti, l’Arca di Noè includeva centinaia di dinosauri. Ciò significherebbe, per esempio, il brachiosauro (due di loro, ovviamente), ciascuno dei quali pesava circa 50 tonnellate e raggiungeva 85 piedi (26 metri) di lunghezza. Anche se due rappresentanti di tutti gli animali della Terra potessero in qualche modo adattarsi all’arca, sarebbe necessario spazio sufficiente per bere acqua e cibo per un intero anno.

Inoltre, contrariamente a molte raffigurazioni dell’arca, Dio in realtà chiese a Noè di raccogliere non una ma sette paia di animali “puliti” e un paio di animali “impuri” (Genesi 7: 2-3) – risultando, in alcuni casi, in quattordici di molti animali. Semplicemente non ci sarebbe abbastanza spazio per tutti loro.

C’è anche il problema di raccogliere tutti quegli animali in primo luogo, osserva il professore di antropologia Ken Feder nel suo libro “The Encyclopedia of Dubious Archaeology” (Greenwood, 2010).

“In che modo gli orsi koala provenienti dall’Australia, i lama del Sud America e i pinguini dall’Antartide sono riusciti a raggiungere l’arca in Medio Oriente?” Feder scrive. “E come i loro custodi umani avrebbero badato a questo vasto insieme di animali? Noè, sua moglie, i suoi tre figli e le loro mogli (solo otto persone) che fornivano cibo e acqua agli animali sarebbe stato un compito impossibile. o chi) avrebbero mangiato i carnivori, vivendo in stretto contatto con tutti quei deliziosi erbivori? “

Dato che lo scopo dell’arca era semplicemente quello di fluttuare (e non necessariamente andare ovunque), non avrebbe avuto alcun mezzo di propulsione (come una vela) o addirittura sterzo. Secondo Morris, “Per quanto riguarda la navigazione, Dio stesso ha evidentemente guidato la nave, mantenendo i suoi occupanti ragionevolmente a suo agio mentre le tempeste e le onde infuriavano all’esterno”.

Un altro problema con la storia dell’Arca si pone perché non ci sono prove per un’inondazione globale. Le storie di creazione di molte religioni e culture diverse includono storie di inondazioni, e Feder osserva che se si fosse verificata un’alluvione mondiale, “La documentazione archeologica di 5.000 anni fa sarebbe piena di rovine in stile pompeiano – i resti di migliaia di città, villaggi e città , tutti spazzati via dalle acque di piena, simultaneamente … Sembrerebbe che il quasi annientamento della razza umana, se accadesse, non abbia lasciato impronte nella documentazione archeologica da nessuna parte “.

La mancanza di prove fisiche della grande alluvione non ha impedito ai credenti moderni di cercare l’arca di Noè stessa. Ma la barca è evidentemente mancante. Non è mai stato trovato nonostante ripetute affermazioni del contrario. Quarant’anni fa, Violet M. Cummings, autrice di “Arca di Noè: Favola o Fatto?” (Creation-Science Research Center, 1973) affermò che l’Arca era stata trovata sul Monte Ararat in Turchia, esattamente come descritto in Genesi 8: 4, che afferma: “e il 17 ° giorno del settimo mese l’arca si fermò le montagne di Ararat. “

Nel febbraio del 1993, la CBS trasmise uno speciale in prima serata di due ore intitolato “L’incredibile scoperta dell’arca di Noè”. Comprendeva la avvincente testimonianza di un uomo che sosteneva non solo di aver visto personalmente l’Arca su Ararat, ma anche di aver recuperato un pezzo di esso. Le affermazioni sono state successivamente rivelate essere una bufala. Nel marzo del 2006, i ricercatori hanno trovato una formazione rocciosa sul Monte Ararat che assomigliava a un’enorme arca.

Alcuni mesi dopo, una squadra di archeologi di un’organizzazione cristiana ha trovato un’altra formazione rocciosa che potrebbe essere l’Arca di Noè – non sul Monte. Ararat ma invece nelle montagne Elburz dell’Iran. Anche quella scoperta sensazionale è svanita. Nel 2012, l’attrice di “Baywatch” Donna D’Errico è stata ferita sul Monte Ararat mentre era alla ricerca di trovare l’Arca di Noè. Ha detto di essere stata ispirata a cercare l’Arca da quando ha visto un film su di esso da bambina.

L’alluvione di Noè potrebbe essersi verificata nel Mar Nero al largo delle coste della Turchia, secondo un’intervista condotta da Christiane Amanpour per le notizie dell’ABC con Robert Ballard, uno dei più famosi archeologi subacquei del mondo.Le ricerche di Ballard suggeriscono che un’enorme alluvione, considerata “la madre di tutte le inondazioni”, ebbe luogo nel Mar Nero intorno al 5000 aC. La leggendaria alluvione di Noè probabilmente è avvenuta in quel periodo, secondo alcuni esperti.

“In un momento magico, è sfondato e ha invaso violentemente questo posto, e molti immobili, 150.000 chilometri quadrati di terra, sono andati sotto”, ha detto Ballard alle notizie della ABC.

La leggenda religiosa dice che Dio disse a Noè di costruire un’arca e riempirla con due di ogni specie animale dopo aver deciso di inondare la Terra corrotta.

L’arca si fermò su una montagna, dopo che le acque del diluvio si ritirarono. Molti credono che il monte Ararat, il punto più alto nell’est della Turchia, sia dove l’arca ei suoi abitanti si sono insediati dopo l’alluvione.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704