Misteri

Il mistero di Stonehenge

Nessun luogo ha generato tanta speculazione e teorie selvagge come le pietre in piedi di Stonehenge. Dopo aver guidato per chilometri attraverso le dolci colline e le pianure della campagna inglese, la vista di questa insolita struttura fa sussultare la gente. Una passeggiata intorno provoca solo sentimenti più strani. C’è la sensazione che questa sia una cosa molto importante. Ci schernisce con il suo mistero. Per oltre 5000 anni ha vissuto la veglia silenziosa sulla terra. È stato scavato, sottoposto ai raggi X, misurato e rilevato. Eppure, nonostante tutto ciò che è stato appreso sulla sua età e costruzione, il suo scopo rimane ancora uno dei grandi misteri del mondo.

Intorno al 3500 aC i popoli semi-nomadi che popolavano la piana di Salisbury iniziarono a costruire il monumento ora noto come Stonehenge. La costruzione originale era un fossato circolare e un tumulo con 56 fori che formano un anello attorno al suo perimetro. La prima pietra da collocare nel sito era la Heel Stone. E ‘stato eretto al di fuori di una singola entrata al sito. 200 anni dopo 80 blocchi di pietra blu furono trasportati da una cava a circa 200 miglia di distanza nelle Prescelly Mountains. Si suppone che questi blocchi siano stati trasportati tramite zattere lungo la costa gallese e su fiumi locali, per poi essere trascinati via terra verso il sito. Queste pietre sono state erette formando due cerchi concentrici.

A un certo punto questa costruzione è stata smantellata e sono iniziati i lavori nella fase finale del sito. I bluestones sono stati spostati all’interno del cerchio e sono state installate le gigantesche pietre che danno a Stonehenge il suo aspetto distintivo. Alcune di queste pietre massicce pesano fino a 26 tonnellate! Rimane un mistero il modo in cui tali enormi pietre potrebbero essere state spostate dalla cava del North Wiltshire da un popolo apparentemente primitivo.

Come molto di un mistero è come la costruzione stessa è stata realizzata. Gli architravi accuratamente scolpiti sono stati collocati sulla cima di coppie di blocchi di pietra verticali, tenuti in posizione mediante l’uso di giunti a sfera. Queste costruzioni sono diventate note come “triliti”. L’ultimo elemento da aggiungere era l’altopiano, un grande blocco di pietra arenaria verde del Galles meridionale che era posto di fronte a uno dei triliti. (a destra) Primo piano di pietra sul trilite. Erano passati più di 1500 anni dall’inizio della costruzione. Ogni generazione si occupava con cura dei monumenti, aumentando le sue dimensioni come tecnologia per spostare e finire i grandi blocchi migliorati. È quasi inconcepibile per noi, in questa epoca, nulla è durato più di qualche decennio nella migliore delle ipotesi, per immaginare un popolo che mantiene un monumento per quasi 2 millenni.

Nell’astronomo del 1960, Gerald Hawkins usò un computer per fornire la prima prova concreta che Stonehenge fosse usato come dispositivo per osservare i cieli. Scoprì che il posizionamento delle pietre chiave si allineava proprio con determinati eventi come i Solstizi e gli Equinozi. Sosteneva che Stonehenge poteva anche essere usato come un tipo di computer per predire le eclissi e rintracciare i corpi celesti attraverso il cielo. I numerosi allineamenti non sono chiaramente un caso, ma se questo fosse il vero scopo dei monumenti, tuttavia, è ancora lontano dall’essere concordato. Il monumento sembra troppo grande per essere un semplice calendario e molti degli allineamenti propagandati non sarebbero nemmeno visibili a causa della grande altezza della pietra.

Ci sono molti cerchi di pietre e pietre in piedi nella campagna britannica. È probabile che tutti avessero uno scopo simile e come con altri siti antichi non è insolito trovare allineamenti con i principali eventi astronomici. Ma Stonehenge è unico tra tutti gli altri siti in Inghilterra. La sua raffinatezza va oltre i semplici cerchi di pietra trovati in altre aree.

Si profila sul paesaggio, provocandoci con il suo mistero. Guardando questa potente struttura si ha la netta impressione di trovarsi in presenza di qualcosa di molto importante. Qualcosa con uno scopo che forse ha ancora, dopo tutti questi secoli, non è stato utilizzato.

C’è una formazione circolare molto simile, fatta di pali di legno, a soli 3 chilometri da Stonehenge, e designata Woodhenge. In tutta l’Inghilterra ci sono circa 100 formazioni circolari simili. La mia opinione è che, quindi, questi non erano principalmente gli obsevatori celesti, poiché nessuno ne ha così tanti in un’area così piccola. Inoltre, perché costruirlo di pietra quando così tanti sono stati costruiti in legno? Una ragione che viene da me, è che la pietra rende quel sito, Stonehenge, unico rispetto agli altri. forse è stato costruito per superare e quindi impressionare coloro che hanno costruito quelli in legno. Tutto intorno al sito di Stonehenge, c’è una cerchia di “buchi Aubrey”, che hanno una certa materia decaduta. Penso che questi possano essere i resti di una precedente struttura di tipo Woodhenge, che in seguito fu sostituita dal modello in pietra.

Ora, c’è un fosso profondo 12 piedi che corre in un sentiero storto dal sito di Stonehenge, al fiume più vicino, chiamato “Avenue”. Come per tutto il resto di Stonehenge, nessuno conosce il suo scopo. La stortura del percorso implica un naturale “ruscello” o flusso; l’acqua trova sempre il suo percorso verso il basso. Il sito di Stonehenge è di 30 metri in più rispetto al fiume, su una pista di circa 3 km, quindi è un grado dell’1%. Il deflusso naturale dell’acqua doveva trovare un sentiero per il fiume, e quello era il sentiero del viale. La consistente formazione profonda 12 piedi suggerisce fortemente che è stata migliorata dall’uomo, in quanto le sorgenti naturali non sono così profonde. Tutto intorno al sito di Stonehenge, è un fossato circolare. Se Stonehenge fosse solo un osservatorio, perché il fossato, che si sarebbe solo intromesso. Inoltre, poiché questo fossato è così prominente (vedi qualsiasi fotografia di Stonehenge) anche adesso, a questa data, deve essere stato molto importante 2000 più anni fa. Quindi questo è stato anche creato e mantenuto per qualche motivo.

Molti ricercatori hanno sostenuto, che in modo più convincente di altri, che Stonehenge era un sito di riti religiosi del suo tempo. Ci sono molte buone ragioni dietro questa ipotesi, ma sfortunatamente ci vuole solo un aspetto della teoria che non può essere provato per far crollare l’intera linea di pensiero. Resti di ossa di maiale trovate sul sito enfatizzano la teoria del sito religioso, perché non sono stati trovati crani di maiale tra le ossa. Ciò significa che gli animali dovevano essere portati sul posto pronti a cucinare (= decapitati), cosa che molto probabilmente sarebbe stata fatta per il bene degli dei o del clero (o di entrambi).

Questo in realtà non nega lo schema del “sito religioso” (esattamente l’opposto), ed è quasi sicuro che qualcosa possa essere nella storia che Stonehenge è stato usato come sito per i riti religiosi almeno in qualche punto della sua storia. Ora i lettori dalla mente selvaggia possono avere l’impressione di brutali riti di sacrificio umano, e mentre alcune prove sono state trovate a sostegno di questo, non ci sono segni di uso continuo di siti megalitici come siti per il sacrificio umano. Animali e simili sono stati quasi certamente coinvolti, però. Ciò che nessuno dei precedenti ci dice è che la religione o il sacrificio era la ragione iniziale per costruire Stonehenge o era qualcos’altro? Ciò deriva dal fatto che nessuna eredità verbale o scritta è sopravvissuta attraverso i tempi sulle idee e le motivazioni di quelle tribù neolitiche (e naturalmente dal fatto che non possiamo tornare indietro nel tempo per chiedere loro …).

I fatti che legano Stonehenge all’astronomia non sono infallibili, ma in alcuni studi su questo argomento sono stati fatti alcuni punti molto interessanti. Probabilmente lo studio più noto di “Stonehenge astronomico” è “Stonehenge Decoded” di Gerald Hawkins, per il quale ha utilizzato un computer moderno per calcolare tutte le linee di vista (linea di vista da un punto di Stonehenge a un corpo di cielo attraverso punti di riferimento come pietre ) e la loro relazione con gli oggetti del cielo, principalmente la Luna e il Sole, però.

L ‘”uomo moderno” deve tenere a mente che le cose potrebbero non essere come sembrano essere prima. Essendo molto vicino alla terra e alla natura, non molto diverso dai culti vicini alla natura di oggi, i Neolitici avrebbero potuto avere oggetti del cielo come dei, e predire la volontà degli dei era qualcosa di essenziale per la loro esistenza, mescolando così il concetti che oggi distinguiamo gli uni dagli altri: religione e astronomia.

Hawkins e anche Fred Hoyle affermarono che non solo Stonehenge era usato come osservatorio, ma era anche usato per tenere registri e prevedere eventi astronomici, come le eclissi.

Non puoi parlare di Stonehenge senza imbattersi in una buona teoria della cospirazione aliena che veda la partecipazione di Ufo ed extraterrestri. Uno dei più importanti può essere fatto risalire a un libro pubblicato nel 1968 da Erich von Däniken, chiamato Chariots of the Gods? Misteri irrisolti del passato. Il libro suggerisce che le antiche religioni e tecnologie furono date ad antiche civiltà da antichi astronauti alieni, che furono ricevuti come dei. Von Däniken afferma che Stonehenge è stato costruito da questi stranieri in visita, o almeno che hanno fornito le conoscenze e le tecnologie necessarie per costruirlo. Anche le Piramidi, ad esempio, sarebbero state costruite da queste popolazioni extraterrestri in visita sulla Terra migliaia di anni fa.

Vi è anche un’altra strana idea che sostiene che Stonehenge fosse usata per fare previsioni astronomiche era in realtà una teoria abbastanza consolidata per lungo tempo. Certe pietre sembrano essere collocate con gli eventi cosmologici in mente, ma gli studiosi ora fanno la distinzione tra un monumento che segna i movimenti astrologici e li predice. Ma se il monumento fosse usato come un calendario, per predire date, eventi o stagioni, aiutando nei calcoli per elaborare le informazioni astrologiche, non sarebbe tecnicamente un enorme computer analogico?

Per i più romantici che non vogliono credere alle teorie che vedono extraterrestri come protagonisti, possono credere alla leggenda che Stonehenge sia stata costruita niente di meno che dal Mago Merlino. La teoria fu introdotta per la prima volta nel XII secolo da Geoffrey of Monmouth, un Chierico e uno Storiografo britannico, generalmente ritenuto responsabile della popolarità dei miti arturiani. Secondo Geoffrey, un gigante aveva portato le pietre dall’Africa in Irlanda, per le loro proprietà curative. Ma quando il re Aurelio volle erigere un monumento della battaglia, Merlino suggerì che avrebbe dovuto usare le pietre. Come si ottengono pietre così grandi e pesanti dall’Irlanda alla pianura di Salisbury? A dire il vero, le pietre che compongono Stonehenge sono state identificate come due tipi, entrambi provenienti da relativamente lontani.

Vi è poi la teoria del Piper Illusion, il nome di un fenomeno per cui quando gli osservatori camminano attorno a due suonatori che suonano in un campo (per esempio), ci sarebbero dei punti in cui le onde sonore si annullerebbero a vicenda, creando un effetto smorzante. Gli esperimenti hanno indicato che Stonehenge imita questo effetto. Le persone che hanno costruito Stonehenge hanno cercato di emulare un effetto come ascoltato durante le feste o le cerimonie? Inoltre, quando agli archeologi fu dato il permesso di “colpire l’henge”, fu riferito che le pietre emanavano il suono delle campane di legno, tutte variazioni leggermente diverse del suono. Stonehenge potrebbe essere stato un grande, rotondo, xilofono di pietra? Sia per creare musica per scopi rituali, sia per comunicare attraverso il paesaggio, l’henge avrebbe potuto essere intesa come uno strumento


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704