Misteri

Il mistero del faro di Eilean Mor

Le Flannan Isles, situate nelle Ebridi Esterne della Scozia, sono un insieme di piccole e disabitate isole rocciose con una storia curiosa. Una delle isole, Eilean Mor, è stata l’ambientazione di un grande mistero storico – la scomparsa di tre guardiani del faro nel 1900. Fino ad oggi, una spiegazione concreta per lo strano evento rimane inafferrabile.

Dall’automazione del faro nel 1971, le Flannan Isles sono state senza residenti permanenti. Le isole prendono il loro nome da un santo irlandese del VII secolo con lo stesso nome, che si dice abbia costruito una chiesa in pietra (una delle poche strutture create dall’uomo ancora oggi) sull’isola di Eilean Mor. Le Flannan Isles si trovano a 32 km (20 miglia) dalla loro vicina più vicina, l’Isola di Lewis.

Immerso in fantastici racconti di fantasmi, Eilean Mor (che significa Big Isle) è la più grande delle isole Flannan, nonostante le sue modeste dimensioni di 17,5 acri (7,1 ettari). La prima e più popolosa abitazione dell’isola risale ai tempi di St. Flannan e dei suoi seguaci della chiesa celtica. Poco dopo aver abbandonato l’isola, ha ricevuto una reputazione di lunga data come un luogo sfortunato pieno di spiriti pericolosi. I racconti superstiziosi di Eilean Mor coinvolgono esseri come uccelli giganti e piccoli uomini, così come il tormentato St. Flannan e il suo “gregge”. Le storie erano sufficienti per tenere i pastori (per non parlare della maggior parte delle altre persone), dal notte lì.

Tuttavia, la mancanza di abitanti avrebbe potuto accrescere la presenza spettrale dell’isola, dal momento che diverse navi apparentemente trovarono le rocciose Flannan Isles difficili da navigare quando non si toccavano le condizioni ideali. Per evitare ciò, nel 1899 fu completato un faro di 22,6 metri (74 piedi) per migliorare il passaggio.

I guardiani del faro di Eilean Mor avevano un lavoro relativamente facile, anche se solo per il tempo e lavoravano a turni con tre uomini e uno con due settimane di riposo in ogni momento. Tuttavia, i tre uomini che potrebbero aver incontrato il loro destino sull’isola, James Ducat (43), Donald Macarthur (40) e Thomas Marshall (28), potrebbero non essere d’accordo sulla facilità del loro lavoro.

Poco dopo l’anniversario di un anno dal completamento del faro, qualcosa cambiò sulla tranquilla isoletta. Il capitano Holman del piroscafo Archtor, che stava passando per l’area sulla rotta per Leith, in Scozia, il 15 dicembre, notò che la lampada del faro non brillava. Ha inviato un wireless al quartier generale della Cosmopolitan Line Steamers (CLS) per segnalare l’interruzione, ma, come riporta Lighthouse Digest “CLS non ha notificato al Northern Lighthouse Board perché” altre questioni più urgenti hanno causato la fuga dalla memoria. “”

A peggiorare le cose, Roderick MacKenzie, che era anche responsabile del controllo della luce dall’Isola di Lewis, non si accorse nemmeno che la luce era fuori.

La situazione divenne più pericolosa poiché solo pochi giorni prima di quella che avrebbe dovuto essere la fine del turno dei tre uomini, il maltempo arrivò alle isole. Questo ha ritardato l’arrivo del quarto addetto che stava per sostituire uno degli uomini il 20 dicembre, ma non è riuscito a fare il viaggio fino a quando le cose non si sono chiarite il 26 dicembre.

Il 26 dicembre 1900, il Capitano Jim Harvie avrebbe dovuto portare sollievo al faro nella forma del quarto addetto, Joseph Moore. Mentre si avvicinava all’isola notò che c’era qualcosa che non andava, poiché la “bandiera a rilievo” non stava volando e nessuno stava aspettando con ansia il loro arrivo allo sbarco di Eilean Mor. Suonò il fischio e sparò a una torcia per cercare di catturare l’attenzione dei guardiani del faro, ma l’isola rimase in silenzio. Così, Moore fu inviato a terra per indagare.

Entrando nel faro sbloccato, ha immediatamente capito che qualcosa non andava. All’interno scoprì che non era acceso il fuoco per tenere lontana la freddezza umida, i letti erano inutilizzati e gli orologi si erano fermati. Moore divenne sempre più preoccupato per i suoi compagni e, tornando con l’aiuto, cercò il faro da cima a fondo. Ha anche controllato e scoperto che la luce era funzionante.

Quando Moore tornò sulla nave, disse al capitano della sparizione e cosa incontrò all’interno del faro. Il capitano ordinò a Moore di tornare per accendere la lampada. Tre volontari si sono offerti di rimanere con Moore e di fornire una ricerca ancora più approfondita sulla piccola isola il mattino successivo. Il capitano si diresse verso la stazione telegrafica più vicina, sull’Isola di Lewis, e lì mandò un messaggio al suo datore di lavoro, il segretario del Northern Lighthouse Board di Edimburgo: “Un terribile incidente è accaduto a Flannans …”

Una possibile ragione per la scomparsa degli uomini si presenta sotto forma di un uomo che cade dalle scale di atterraggio ripide e scivolose mentre cerca di recuperare una cassa durante la tempesta, e gli altri due che seguono l’esempio in un tentativo di salvataggio fallito. Questa spiegazione spiega il fatto che mancava la scatola con le corde di ormeggio, ma non spiega perché due degli uomini erano fuori con il tempo nei loro cappotti, ma uno non lo era. Inoltre non aiuta che nessuno dei corpi sia stato recuperato.

Un’altra ipotesi afferma che gli uomini scelgono semplicemente di cercare “pascoli più verdi” o forse l’avventura mentre saltavano su una barca di passaggio, portandoli lontano dal rigido clima invernale dell’isola. È anche possibile che, per qualche motivo, gli uomini siano stati portati a bordo di una barca senza il loro permesso. Il faro ordinato può supportare la prima ma non la seconda idea qui. Il problema del cappotto si ripresenta in questo scenario. C’è anche la domanda se i due uomini avrebbero davvero scelto di lasciare le loro famiglie.

Ci sono molti che si appoggiano all’idea che due degli uomini siano stati uccisi dal terzo, che ha seguito il suo atto subdolo con il suicidio. Se le voci del diario sono reali, suggerirebbe che i tempi fossero duri sull’isola fino all’ultima voce. Tuttavia, la validità delle voci è stata messa in luce molto bene da Mike Dash, il quale suggerisce fortemente che si trattava di una bufala. Con le nozioni superstiziose che circondano Eilean Mor, non sorprende che alcuni abbiano suggerito che i tre guardiani del faro fossero “rapiti” (o peggio) dagli abitanti corti e mistici dell’isola o da un UFO. Questa idea è probabile per alcuni, possibile per gli altri, e impensabile per molti, a seconda del loro punto di vista.

Una canaglia o un’onda “strana”, è una delle più popolari ipotesi moderne per spiegare gli uomini scomparsi. Il fenomeno di un’onda estremamente grande che improvvisamente appare e spazza via gli uomini dall’isola può essere fondato nel fatto che il tempo del tempo è stato detto “calmo, ma tempestoso” e, secondo Alasdair Macaulay, un ricercatore del mistero : “Ho sentito parlare di una donna alla Crowlista di Uig che aveva appeso il bucato quel giorno” quando ha visto un gigantesco muro d’acqua che veniva da ovest così “lei apparentemente corse di nuovo verso casa quando questa grande onda colpì la riva. Anche questo è difficile da accertare, sia con le prove concrete e la natura contraddittoria dei dettagli del tempo del giorno.

La strana e triste storia dei guardiani del faro è ancora ricordata oggi. L’anno scorso, un memoriale è stato svelato in loro onore sulla battigia dove una nave avrebbe trasportato i custodi sull’isola. Ha una targa con i tre nomi degli uomini scomparsi e una scultura di quello che The Courier descrive come “un’onda di bronzo che si riversa su un faro di arenaria seduto su un masso di gneiss Lewisian”.

Un film con Gerard Butler è stato anche creato per raccontare un adattamento della storia dei custodi del faro. Inizialmente chiamato “Keepers” e ora noto come “The Vanishing”, il film ha ricevuto molti elogi al festival di Cannes.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704