Uncategorized

Cydonia e il mistero dei volti su Marte

Mars Express dell’ESA ha ottenuto immagini della regione di Cydonia, sede del famoso “Face on Mars”. Le foto della fotocamera stereo ad alta risoluzione includono alcune delle viste più spettacolari del pianeta rosso di sempre.

Dopo numerosi tentativi di immaginare la regione di Cydonia dall’aprile 2004 al luglio 2006 frustrati dall’altitudine e dalla polvere atmosferica e dalla foschia, la fotocamera ad alta risoluzione (HRSC) a bordo di Mars Express ha finalmente ottenuto, il 22 luglio, una serie di immagini che mostrano il famoso “volto” su Marte in un dettaglio senza precedenti. I dati sono stati raccolti durante l’orbita 3253 sulla regione di Cydonia, con una risoluzione al suolo di circa 13,7 metri per pixel. Cydonia si trova a circa 40.75 ° Nord e 350.54 ° Est.

“Queste immagini della regione della Cydonia su Marte sono davvero spettacolari”, ha detto il dott. Agustin Chicarro, scienziato del progetto Mars Express dell’ESA. “Non solo forniscono una visione completamente fresca e dettagliata di un’area famosa per i fan dei miti spaziali di tutto il mondo, ma forniscono anche un impressionante primo piano su un’area di grande interesse per i geologi planetari e mostrano ancora una volta l’elevata capacità di Marte. Macchina fotografica Express. “

Cydonia si trova nella regione dell’Arabia Terra su Marte e appartiene alla zona di transizione tra gli altipiani meridionali e le pianure settentrionali di Marte. Questa transizione è caratterizzata da ampie valli piene di detriti e cumuli di resti isolati di varie forme e dimensioni. Ma torniamo ora all’origine del mito:

Quando la missione Viking 1 restituì le foto della superficie marziana nel 1976, l’immagine di una parete rocciosa nella regione di Cydonia catturò l’attenzione del pubblico. Era un trucco di luci e ombre? Un residuo di un’antica civiltà?

Mentre la missione Viking 1 circondava il pianeta rosso alla ricerca di un sito di atterraggio per la sua nave gemella, Viking 2, scattò foto di Marte per gli ingegneri della NASA per studiare. Il 25 luglio 1976, ha catturato l’immagine di un cumulo di rocce che assomigliava molto a un volto umano. Quando la NASA pubblicò la fotografia quasi una settimana dopo, la descrissero come “un’enorme formazione rocciosa al centro [della foto], che assomigliava a una testa umana”.

Benché gli scienziati della NASA abbiano rapidamente determinato che il volto è stato creato da trucchi di luci e ombre, il pubblico immaginativo ha colto l’idea che non si formasse in modo naturale. Alcune persone credono che il volto sia il residuo di una civiltà aliena, suggerendo che altri affioramenti rocciosi nell’area potrebbero essere una fatiscente città extraterrestre. Dal 1976, il volto è apparso in numerosi riferimenti di cultura popolare citandolo come un’indicazione della vita su Marte in qualche fase della storia del pianeta. Libri, film e televisione hanno tutti preso parte alla speculazione sulla “vera” origine delle macerie marziane.

Nell’aprile del 1998, il Mars Global Surveyor della NASA ha scattato immagini più dettagliate del volto. Altre immagini ad alta risoluzione successivamente riprese da Mars Reconnaissance Orbiter e Mars Express dell’Agenzia spaziale europea hanno rivelato che l’analisi originale delle immagini era corretta; la suggestione di un volto è un’illusione ottica rivelata solo quando la luce colpisce la superficie e i pozzetti delle rocce a specifici angoli.

La faccia su Marte si trova in una zona conosciuta come la regione di Cydonia, che cade tra gli altipiani meridionali craterizzati del pianeta e le pianure più pianeggianti del nord. Alcuni scienziati pensano che quest’area si sarebbe trovata una volta vicino a un gigantesco oceano marziano, quando il pianeta aveva abbastanza atmosfera per trattenere l’acqua sulla sua superficie. Una vista ravvicinata (dall’alto) della Faccia felice Martian, Crater Galle, in falso colore.

L’affioramento roccioso che crea l’illusione è di circa un chilometro e assomiglia a buttes o mesas del West americano. Probabilmente si è formato da una combinazione di frane e detriti raccolti. Altre facce vere o presunte sono sparse per tutta la regione di Cydonia e gli orbitanti le hanno misurate mentre giravano intorno all’area. I risultati hanno rivelato che non c’era nulla di unico nella formazione strutturale del volto stesso; assomiglia alle sue morfologie vicine. Sia il Global Space Surveyor che il Mars Express hanno raccolto dati sufficienti per creare uno sguardo tridimensionale sull’affascinante formazione.

Sebbene sia uno dei simboli più popolari su Marte, la faccia non è affatto l’unico gruppo di rocce a trovarsi in una configurazione visivamente piacevole. Viking ha catturato molte altre immagini intriganti, tra cui il cratere di Galle negli altopiani meridionali, che vanta una catena montuosa curva e due ammassi di montagna che creano l’aspetto di una faccina sorridente. Un modello di flusso di lava sul grande vulcano Alba Patera sembra molto simile al popolare Muppet Kermit the Frog. Le immagini di Mars Express catturarono una mesa a forma di teschio. E altri volti più vaghi punteggiano la superficie del pianeta rosso.

Tali strutture non sono particolarmente indicative della vita aliena. Anche sulla Terra, formazioni come il “Vecchio della Montagna” nel New Hampshire possono creare immagini esteticamente piacevoli senza interventi extraterrestri.

La pareidolia facciale di Cydonia ispirò individui e organizzazioni interessati all’intelligenza extraterrestre e alle visite alla Terra, e le immagini furono pubblicate in questo contesto nel 1977. Alcuni commentatori, in particolare Richard C. Hoagland, ritengono che “Face on Mars” sia la prova di un la civiltà marziana perduta da tempo insieme ad altre caratteristiche che credono siano presenti, come le apparenti piramidi, che sostengono fanno parte di una città in rovina.

Pur accettando il “volto” come soggetto per lo studio scientifico, l’astronomo Carl Sagan ha criticato molte delle speculazioni che lo riguardano nel capitolo “L’uomo nella luna e il volto su Marte” nel suo libro The Demon-Haunted World. Il “volto” è anche un argomento comune tra i gruppi di scettici, che lo usano come esempio di credulità. Sottolineano che ci sono altri volti su Marte, ma questi non suscitano lo stesso livello di studio.

Da piramidi, presunte rovine della città, strutture a forma di piramide, a innumerevoli informatori che hanno rivelato dettagli affascinanti su Marte e presunte “civiltà aliene” che un tempo esistevano sul pianeta rosso, Marte è stato oggetto di dibattito per decenni.

Il pianeta Marte ci ha dato di recente molto di cui parlare. A poco a poco, siamo stati filtrati con informazioni che contraddicono tutto ciò che pensavamo essere vero su Marte un paio di decenni fa. E non finisce qui.

Sulla superficie di Marte sono state fatte innumerevoli scoperte che ci lasciano fare ulteriori domande sul nostro pianeta vicino.

Il giorno di Marte dura 24 ore con 37 minuti, e ha due satelliti che alcuni scienziati sostengono sono di natura artificiale, parcheggiati “eoni” e usati come stazioni spaziali da una civiltà aliena avanzata. Uno degli argomenti principali che sostengono questa teoria “selvaggia” è che uno dei suoi satelliti viaggia quattro volte più velocemente di Marte.

Anche se recenti immagini della NASA avrebbero dimostrato come il volto di Cydonia altro non sarebbe che un rilievo naturale eroso dai venti, molti continuano a credere che si tratti invece delle vestigia di una antica civiltà e che il governo Usa ora cerchi in tutti i modi di insabbiare tale incredibile scoperta.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704