Gli IlluminatiMisteri

Cinque cose da sapere sulle teorie cospirative di spionaggio

cospirazione e complotti: teorie o realtà?

Un uomo della Florida è stato arrestato in relazione alle sospette bombe di posta inviate questa settimana a George Soros, Barack Obama, Hillary Clinton e altri importanti critici dell’amministrazione Trump, così come alla CNN. Democratici e molti media hanno rapidamente accusato il presidente Trump di aver suscitato la rabbia.

Nel frattempo, le teorie cospirative circolavano sui social media che i liberali oi democratici avevano inviato i pacchetti come un’operazione di “falsa bandiera” per dipingere i conservatori come radicali prima delle elezioni di seminario del 6 novembre. Un classico attacco di falsa bandiera è quello in cui un perpetratore si veste come il nemico per creare l’impressione che il nemico abbia commesso un’atrocità.

Anche con l’arresto di un sospetto, tuttavia, nessuno sa ancora cosa abbia motivato l’invio di pacchetti esplosivi. E non importa quali prove emergano, le teorie cospirative continueranno quasi certamente a circolare.

Qui ci sono alcune cose che la letteratura accademica può dirci su tali teorie cospirative:

Abbiamo visto molte teorie del complotto false flag negli Stati Uniti.

Ogni recente sparatoria di massa ha generato teorie false flag. Per esempio, dopo Parkland, Fla., Sparatorie a scuola, molte teorie cospirative hanno turbinato sui social media, sostenendo che la sparatoria era una bufala progettata per minare i diritti delle armi.

David Hogg, un attivista studentesco di Parkland, è stato accusato di essere un “attore di crisi” – un compenso pagato per un gruppo oscuro che presumibilmente ha orchestrato l’evento. Accuse simili sono circolate dopo la sparatoria di massa del nightclub Pulse del 2016 che ha ucciso 49 persone.

L’uccisione cinematografica del giornalista televisivo Alison Parker e del fotoreporter Adam Ward a Roanoke; e il Sandy Hook, Conn., riprese della scuola elementare nel 2012.

Queste non sono semplicemente creazioni di Internet. Non molto tempo dopo l’attacco giapponese del 1941 a Pearl Harbor, i teorici della cospirazione accusarono il presidente Franklin D. Roosevelt di permettere che l’attacco potesse aiutare a persuadere gli americani riluttanti a sostenere il coinvolgimento nella Seconda guerra mondiale.

Le teorie cospirative di spionaggio sono abbastanza popolari

Tali teorie sono abbastanza popolari. Un sondaggio rappresentativo a livello nazionale condotto da Farleigh Dickenson nel 2016 ha mostrato che il 22% degli americani credeva che fosse possibilmente o definitivamente vero che le riprese del Sandy Hook del 2012 erano “finte, al fine di aumentare il supporto per il controllo delle armi”. Il sondaggio rappresentativo di 2.068 fioristi fatto da Casey Klofstad e me in agosto hanno dimostrato che il 15% concordava sul fatto che le sparatorie di massa, come quelle a Parkland e Orlando, erano falsi progettati per giustificare la rimozione delle armi dei proprietari di armi.

Anche quando le prove di tali attacchi sono chiare, alcune persone sono convinte che la verità sia nascosta e preferiscono narrative alternative.

Le convinzioni sulle cospirazioni coincidono con le opinioni politiche delle persone.

Quindi chi crede alle teorie del complotto? Persone che, in primo luogo, hanno una predisposizione di fondo a vedere eventi e circostanze come il prodotto di cospirazioni – o quello che si chiama cospirazione – e in secondo luogo, che hanno opinioni politiche che coincidono con la particolare teoria del complotto.

Per esempio, i repubblicani con “pensiero complotto” tendono a credere che i democratici orchestrano le cospirazioni, mentre i democratici con “cospirazione pensando” credono che i repubblicani siano i cospiratori. Ogni lato punta le dita verso l’altro e in numeri quasi uguali.

Quando le persone credono alle teorie del complotto, tendono ad essere quelle che danno un vantaggio alla propria parte. In questo caso, poiché gli attacchi sembrano essere stati effettuati da un repubblicano – sia dalla scelta degli obiettivi che dalle prove che stanno emergendo – i repubblicani che pensano in modo cospiratorio possono spostare la responsabilità dal loro lato immaginando una cospirazione, proprio come una mossa cospirazionista i sostenitori dei diritti suggeriscono che le sparatorie nelle scuole sono in realtà operazioni di falso-bandiera orchestrate da coloro che vogliono eliminare il secondo emendamento.

Le teorie cospirative possono avere conseguenze non intenzionali

Piuttosto che contribuire a spostare la colpa, le teorie cospirative possono ritorcersi contro i teorici della cospirazione. Questo è quello che è successo dopo le riprese della scuola Parkland. Non solo le teorie del complotto non sono riuscite a trasformare l’opinione pubblica, ma le prove dimostrano che quelli indignati dalle teorie della cospirazione li hanno condivisi più spesso di quelli che effettivamente li hanno creduti. Di conseguenza, gli attivisti studenteschi di Parkland sembravano ancora più comprensivi: dopo aver affrontato una tragedia, erano presi di mira da teorici della cospirazione Internet senza scrupoli.

C’è una influenza psicologica per falsare le teorie della cospirazione

In un modo o nell’altro, ognuno di noi ha un “cheater detector”, un meccanismo psicologico che ci aiuta a navigare in un mondo in cui alcune persone giocano secondo le regole e altre no. In una serie di esperimenti, lo psicologo Preston Bost ha scoperto che quando qualcuno ha beneficiato di una tragedia, altri erano più propensi a sospettare che quella persona avesse effettivamente orchestrato la tragedia. Questo rilevatore di imbroglioni, anche se utile, può provocare il sospetto di persone senza alcuna base per il sospetto. I nipoti ereditano continuamente denaro dalle nonne, ma ciò non significa che tutti abbiano spinto le loro nonne giù per le scale.

I fatti non porranno fine a queste teorie.

Anche con un possibile colpevole in mano, almeno alcuni partigiani probabilmente continueranno a credere a teorie che incolpano l’altra parte, indipendentemente da quali prove evidenzi l’altro modo.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704