UFO

Ci sono alieni su Marte?

I teorici della cospirazione sono stati a caccia per dimostrare che la NASA ha mentito al pubblico sulla vita su Marte. Ora, uno potrebbe aver rivelato alcune prove che sembrano mostrare un’antica struttura sul Pianeta Rosso. L’immagine, presa dai satelliti della NASA che sorvolano Marte, sembra raffigurare strutture antiche e persino sculture in pietra. Ci sono alieni su Marte? Molti pensano di sì, o che comunque ci siano stati millenni di anni fa.

Nell’immagine, che include le annotazioni, i muri sembrano come se fossero stati costruiti come se facessero parte di una fortezza. Il famoso cacciatore di alieni Scott C Waring afferma che questa è la prova del “100 per cento” che la vita esiste o esiste sul Pianeta Rosso. Ha scritto sul suo blog, UFO Sightings Daily: “Ho trovato molte strutture antiche in una foto di Marte oggi. Queste strutture sono lunghe e quasi assomigliano a muri, ma sono edifici in lunghe file.

“Ho anche scoperto una faccia scolpita nella cima di una collina, ma è così antica, può essere difficile per alcuni vedere i suoi dettagli.

Gli scettici e la NASA direbbero che la “città” e altri risultati simili sono solo gli effetti della pareidolia – un fenomeno psicologico quando il cervello inganna gli occhi per vedere oggetti o forme familiari in motivi o trame come la superficie di una roccia. Questa non è la prima volta che viene scoperta la “prova” di alieni su Marte.

All’inizio di quest’anno, un “volto alieno” è stato trovato in un’immagine satellitare della NASA su Marte, secondo le affermazioni di più esperti. Mr Waring era convinto che potesse essere una scultura su roccia, fatta da una razza marziana, nello stesso modo in cui gli antichi britannici scavavano le figure di gesso sulle colline come il gigante di Cerene Abbas nel Dorset e il Long Man di Wilmington nell’East Sussex.

Tuttavia, la NASA ha insistito sul fatto che la roccia è solo un cratere da impatto meteorico che è stato lasciato nella forma insolita dall’erosione successiva.

Quando la NASA ha rilasciato l’immagine sotto la didascalia “testa aliena”, ha detto: “L’immagine mostra un cratere da impatto in Chryse Planitia, non troppo lontano dal sito del lander Viking 1, che sembra assomigliare ad una testa dagli occhi infestati.

“Le due strane depressioni all’estremità nord del cratere (gli” occhi “) potrebbero essersi formate dal vento o dall’erosione dell’acqua.

“Questa regione è stata modificata da entrambi i processi, con l’azione dell’acqua che si è verificata nel lontano passato attraverso le inondazioni che hanno attraversato la Planatea occidentale di Chryse da Maja Valles, e l’azione comune del vento nella storia più recente.”

I teorici della cospirazione continuano a mostrare alcune foto che mostrerebbero le prove dell’esistenza di una civiltà evoluta su Marte. Inoltre, alcuni sostengono che sia la prova che gli alieni hanno attraversato il sistema solare, costruendo piramidi sul pianeta e sono persino responsabili della loro creazione sulla Terra. Alcuni credono che le piramidi egizie siano state costruite dagli alieni, poiché le costruzioni sono state erette da una civiltà che non conosceva la ruota e che erano tecnologicamente limitate, rispetto agli standard moderni.

Le immagini della NASA mostrano una strana roccia nera sulla superficie di Maras, con alcuni che affermano che è un fossile e che è la prova della vita altrove nel cosmo. Anche i cacciatori di alieni affermano che è la prova che la NASA sta cercando di “gocciolare” le informazioni pubbliche a un ritmo costante per non causare allarme. Il famoso cacciatore di UFO Scott C Waring afferma che non vi è “alcun dubbio” che l’oggetto è un vero fossile e ha messo in dubbio i motivi della NASA per non aver rilasciato le informazioni.

Mr Waring ha scritto sul suo blog UFO Sightings Daily: “Guardando la prima pagina del sito Web del Mars Science Laboratory, ho notato che hanno posizionato una foto con un enorme fossile nero proprio sulla prima pagina!

“Come è possibile che qualcuno che ha qualche esperienza in antichi fossili e manufatti lo abbia perso? “Alla NASA non interessa davvero trovare la vita, o provare che una volta esisteva la vita su altri pianeti.

Potrebbero esserci state creature microbiche profonde sotto la superficie del Pianeta Rosso prima che gli esseri umani esistessero. Ora un gruppo di scienziati è stato in grado di determinare che è altamente possibile che i microbi alieni siano esistiti diverse miglia al di sotto della crosta a causa dell’idrogeno sotterraneo che risalgono a miliardi di anni fa e li ha mantenuti in vita per centinaia di milioni di anni.

“Abbiamo dimostrato, basandosi su calcoli di fisica e chimica di base, che l’antico sottosuolo marziano probabilmente aveva abbastanza idrogeno disciolto per alimentare una biosfera globale sotterranea,” Jesse Tarnas, studente universitario della Brown University, che ha condotto uno studio recentemente pubblicato su Earth and Planetary Science Letters, ha detto a Phys.org. “Le condizioni in questa zona abitabile sarebbero state simili ai luoghi sulla Terra dove esiste la vita sotterranea”.

Ciò significa che il sottosuolo marziano potrebbe essere stato brulicante di colonie di microbi che si nutrivano di elettroni da un afflusso di molecole di idrogeno. Qualcosa di antico Marte ha in comune con la Terra è SliMEs. Non melma come nei fanghi extraterrestri, ma SliMEs come negli ecosistemi microbici litotropici sottosuperficiali (i litotropi sono organismi che sopravvivono con sostanze inorganiche).

L’idrogeno molecolare che è stato dissolto è la fonte di energia per SliMes sul nostro pianeta. L’idrogeno avrebbe raggiunto questi microbi ipotetici attraverso la radiolisi, il processo attraverso il quale la radiazione rompe le molecole d’acqua in idrogeno e ossigeno. I litotropi avrebbero divorato gli elettroni da quelle molecole di H2. Il team di Tarnas suggerisce che circa 4 miliardi di anni fa le concentrazioni di idrogeno sotterranee sarebbero state abbastanza alte da mantenere in vita sciami di microbi.

“La domanda diventa: qual era la natura di quella vita sotterranea, se esisteva, e dove ha preso la sua energia?” ha detto il professore Brown del Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Scienze Planetarie e studia il co-autore Jack Mustard. “Sappiamo che la radiolisi aiuta a fornire energia per i microbi sotterranei sulla Terra, quindi quello che Jesse ha fatto qui è stato quello di proseguire la storia della radiolisi su Marte”.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704