Misteri

Bigfoot, solo una leggenda?

Bigfoot, noto anche come Sasquatch, è una creatura gigante simile a una scimmia che si dice vaghi nel Pacifico nord-occidentale. Ci sono poche prove fisiche che esistano tali creature, ma gli appassionati di Bigfoot sono convinti che lo facciano e che la scienza lo dimostrerà presto.

Mentre la maggior parte degli avvistamenti di Bigfoot si verificano nel nord-ovest, le creature sono state segnalate in tutto il paese. Ci sono molti miti nativi e leggende di uomini selvaggi nei boschi, ma Bigfoot di per sé è stato intorno per circa 50 anni. L’interesse per Bigfoot crebbe rapidamente durante la seconda metà del 20 ° secolo, stimolato da articoli di riviste del tempo, la maggior parte di un articolo “True” del dicembre 1959 che descriveva la scoperta di impronte grandi e misteriose l’anno prima a Bluff Creek, in California.

Il fenomeno di Bigfoot ha uno dei più grandi seguiti nella criptozoologia con diverse organizzazioni e gruppi di ricerca attivi negli Stati Uniti e in altre parti del mondo. Le spedizioni nelle foreste del Nord America alla ricerca di prove sono all’ordine del giorno. Presunte tracce di Bigfoot, fotografie, riprese video e persino campioni di capelli spuntano regolarmente ma nessun corpo è stato ancora trovato. Anche le segnalazioni di avvistamenti di Bigfoot si verificano abbastanza frequentemente, inclusi resoconti di strani fischi di fischio, ringhi a bassa frequenza non identificati e una sensazione di presenza nei boschi. I cacciatori e le persone che vivono in aree remote riferiscono di aver incontrato creature al di fuori delle loro case, i cacciatori sono un’altra fonte di avvistamenti segnalati.

L’analisi genetica dei capelli attribuita a Bigfoot non ha trovato alcun sostegno a tale affermazione, ma i capelli legati allo Yeti erano determinati a appartenere a una specie di orso misterioso che potrebbe non essere ancora noto alla scienza. La ricerca, pubblicata negli Atti della Royal Society B, segna una rara intersezione tra scienza e criptozoologia, che è la ricerca e lo studio di animali la cui esistenza o sopravvivenza è contestata o infondata. Lo studio si concentrava esclusivamente su campioni di capelli, e non riguardava impronte, fotografie, suoni registrati e altre “prove” presumibilmente legate a Bigfoot, allo Yeti e simili creature apparentemente umane.

Per molti anni, alcune persone in Nord America hanno riferito di aver visto uno strano animale simile a una scimmia noto come Bigfoot o Sasquatch. Dicono che è molto alto (circa 2 o 3 metri) e abbastanza grande (più di 200 chilogrammi). Bigfoot ha anche capelli castani e cammina su due gambe, molto simile a un essere umano. Gli scienziati dicono che Bigfoot in realtà non esiste. Le persone che l’hanno visto dicono il contrario. Le voci di Bigfoot iniziarono nel 1958 quando un operaio edile a Bluff Creek, in California, trovò impronte grandi e misteriose in un cantiere. Un giornale locale ha pubblicato un articolo sulle strane impronte e sui giornali internazionali che hanno presto raccolto la storia. Gruppi di persone conosciute come “cacciatori di bigfoot” uscirono alla ricerca della bestia.

Presto, le persone in tutto il Nord America hanno iniziato a riferire di aver visto Bigfoot. Il 20 ottobre 1967, due uomini affermarono di aver filmato un Bigfoot vicino a Bluff Creek. Il filmato mostrava una grossa creatura pelosa che camminava nei boschi. C’è qualche discussione sul fatto che la creatura sia reale o un uomo in costume.Alcuni scienziati dicono che le persone che pensano di aver visto Bigfoot lo stanno scambiando per un altro tipo di animale. Altre persone pensano che Bigfoot sia una vera creatura che non è stata trovata e identificata. Sembra che le voci su Bigfoot continueranno per molto tempo.

Secondo David Daegling, le leggende precedono il nome “bigfoot”. Differiscono nei dettagli sia a livello regionale che tra famiglie nella stessa comunità. L’ecologista Robert Pyle afferma che la maggior parte delle culture hanno resoconti di giganti simili a umani nella loro storia popolare, esprimendo la necessità di “alcune creature più grandi della vita”. Ogni lingua aveva il proprio nome per le creature presenti nella versione locale di queste leggende Molti nomi significavano qualcosa sulla falsariga di “uomo selvaggio” o “uomo peloso”, sebbene altri nomi descrivessero azioni comuni che si diceva svolgessero, come mangiare vongole o scuotere alberi. Il capo Mischelle del Nlaka’pamux di Lytton, British Columbia, raccontò una storia simile a Charles Hill-Tout nel 1898; ha chiamato la creatura con una variante di Salishan che significa “la persona benigna”. Alcune versioni regionali parlano di creature più minacciose. Lo stiyaha o il kwi-kwiyai erano una razza notturna. I bambini furono avvertiti di non pronunciare i nomi, per timore che i mostri sentissero e venissero a portare via una persona, a volte per essere uccisi. Nel 1847 Paul Kane riportò storie degli indiani su skoocooms, una razza di selvaggi cannibali che vivevano sulla cima del Monte St. Helens nel sud dello stato di Washington.

Sono anche state registrate versioni meno minacciose, come quella nel 1840 di Elkanah Walker, un missionario protestante che registrò storie di giganti tra gli indiani che vivevano vicino a Spokane, nello Stato di Washington. Gli indiani dicevano che questi giganti vivevano su e intorno alle cime delle montagne vicine e rubavano il salmone dalle reti dei pescatori. Negli anni ’20, l’agente indiano J. W. Burns compilò storie locali e le pubblicò in una serie di articoli di giornali canadesi. Erano racconti che gli erano stati raccontati dal popolo Sts’Ailes di Chehalis e altri. Gli Sts’Ailes e altre tribù regionali sostenevano che il Sasquatch fosse reale. Sono stati offesi dalle persone dicendo loro che le cifre erano leggendarie. Secondo i resoconti di Sts’Ailes, il Sasquatch preferiva evitare gli uomini bianchi e parlava la lingua Lillooet del popolo di Port Douglas, nella Columbia Britannica alla testa di Harrison Lake. Questi resoconti furono pubblicati di nuovo nel 1940. Burns prese in prestito il termine Sasquatch dal Halkomelem e lo usò nei suoi articoli per descrivere un ipotetico singolo tipo di creatura ritratta nelle storie locali.

Circa un terzo di tutte le denunce di avvistamenti di Bigfoot si trovano nel nord-ovest del Pacifico, con le restanti segnalazioni diffuse nel resto del Nord America.

Bigfoot è diventato più conosciuto e un fenomeno nella cultura popolare, e gli avvistamenti si sono diffusi in tutto il Nord America. Le aree rurali della regione dei Grandi Laghi e degli Stati Uniti sudorientali sono state fonti di numerose segnalazioni di avvistamenti di Bigfoot, oltre al Pacifico nord-occidentale. Il dibattito sulla legittimità degli avvistamenti di Bigfoot ha raggiunto un picco negli anni ’70, e Bigfoot è stato considerato il primo esempio ampiamente divulgato di pseudoscienza nella cultura americana.

Sia i credenti sia i non credenti di Bigfoot concordano sul fatto che molti degli avvistamenti riportati sono bufale o animali male identificati. L’autrice Jerome Clark sostiene che l’affare Jacko era una bufala, che riguardava un rapporto del 1884 su una creatura scimmia catturata nella British Columbia.

I sostenitori di Bigfoot Grover Krantz e Geoffrey H. Bourne ritenevano che Bigfoot potesse essere una popolazione di Gigantopithecus. Tutti i fossili di Gigantopithecus furono trovati in Asia, ma secondo Bourne molte specie di animali migrarono attraverso il ponte di terra di Bering e suggerì che anche Gigantopithecus avrebbe potuto farlo. I fossili di Gigantopithecus non sono stati trovati nelle Americhe. Gli unici fossili recuperati sono di mandibole e denti, lasciando incertezze sulla locomozione di Gigantopithecus. Krantz ha sostenuto che Gigantopithecus avrebbe potuto essere bipede, basandosi sulla sua estrapolazione della forma della sua mandibola. Tuttavia, la parte rilevante della mandibola non è presente in nessun fossile. Una visione alternativa è che Gigantopithecus era quadrupede; la sua enorme massa avrebbe reso difficile l’adozione di un’andatura bipede.

Nella prima analisi genetica sistematica di 30 campioni di capelli che erano sospettati di essere di bigfoot, yeti, sasquatch, almastia o altri primati anomali, solo uno è risultato essere di origine primata, ed è stato identificato come umano. Uno studio congiunto dell’Università di Oxford e del Museo cantonale di zoologia di Losanna e pubblicato negli Atti della Royal Society B nel 2014, il team ha utilizzato un metodo di pulizia precedentemente pubblicato per rimuovere tutta la contaminazione superficiale e il frammento di DNA 12S del DNA mitocondriale ribosomiale è stato sequenziato e poi confrontato con GenBank per identificare l’origine della specie. I campioni inviati provenivano da diverse parti del mondo, inclusi Stati Uniti, Russia, Himalaya e Sumatra. A parte un campione di origine umana, tutti tranne due provengono da animali comuni. L’orso nero e marrone ha rappresentato la maggior parte dei campioni, altri animali includono mucca, cavallo, cane / lupo / coyote, pecore, capre, procioni, istrici, cervi e tapiri. Si pensava che gli ultimi due campioni corrispondessero a un campione genetico fossilizzato di un orso polare di 40.000 anni dell’era del Pleistocene; tuttavia, uno studio successivo contesta questo risultato. Nel secondo articolo, i test identificavano i peli come provenienti da un raro tipo di orso bruno.

Aldilà delle parziali smentite e dello scetticismo degli accademici comunque, gli avvistamenti continuano e ormai le persone che credono all’esistenza di un grosso primate misterioso chiamato Bigfoot sono sempre di più.



Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704