Misteri

10 Misteri e sparizioni che ancora dividono gli storici

Più strano della finzione


Quasi ogni giorno, storici e archeologi rivelano sempre più segreti del passato. Ma diversi misteri continuano a mettere in discussione i ricercatori dopo decenni, o talvolta addirittura secoli di indagini.

Ecco 10 delle storie più durature di morti e sparizioni misteriose che ancora dividono gli storici.

La Mary Celeste


La nave mercantile americana Mary Celeste fu trovata alla deriva in mare il 5 dicembre 1872. Posizionata a circa 400 miglia (640 chilometri) ad est delle isole Azzorre del Portogallo, nell’Atlantico orientale.

La nave, a vela parziale quando fu intercettata da una nave canadese. Trasportava un carico quasi pieno di barili di alcol industriale, oltre a cibo e acqua sufficienti a durare per molti mesi.

Ma una delle scialuppe di salvataggio sulla nave mercantile era scomparsa, e non c’era traccia dell’equipaggio.

Da notare che i loro effetti personali fossero stati trovati ancora nelle loro cuccette.

La Mary Celeste era salpata da New York, quasi un mese prima che fosse avvistata, diretta a Genova in Italia con 10 persone a bordo. Sette membri dell’equipaggio e il capitano della nave, la moglie del capitano e la figlia di due anni della coppia. Ma nessun segno di loro è mai stato trovato.

Anno 1884: pochi anni prima che i primi misteri di Sherlock Holmes comparissero in stampa, Sir Arthur Conan Doyle pubblicò un racconto in prima persona fittizio. Un racconto che narra di un sopravvissuto di una nave chiamata “Marie Celeste”. Nella storia di Doyle, l’equipaggio fu assassinato da un serial killer vendicativo tra gli uomini dell’equipaggio. La storia divenne più famosa del caso originale e fu persino presentata come un vero racconto in alcuni giornali, incluso il Boston Herald. Secondo un rapporto in un’edizione del rapporto del 1913 della rivista The Strand. Diversi ricercatori hanno ipotizzato che la vera Mary Celeste sia stata abbandonata perché l’equipaggio temeva un’esplosione di fumi di alcol che fuoriuscivano dalle botti nella stiva. Altri ipotizzano che la nave sia stata attaccata da pirati marocchini, che hanno portato via le persone a bordo ma hanno lasciato il carico.

Nel 2007, la regista di documentari Anne MacGregor ha suggerito che la nave potrebbe essere stata abbandonata dopo aver preso acqua causa maltempo. Così il capitano ha visto un’opportunità per raggiungere la terraferma in una scialuppa di salvataggio. Ma gli occupanti della scialuppa di salvataggio sembravano essersi persi in mare, mentre l’abbandonata Mary Celeste era in grado di cavalcare la tempesta.


Mallory e Irvine sull’Everest

Gli storici e gli alpinisti hanno a lungo ipotizzato che Mallory e Irvine potessero essere sopravvissuti alla scalata del Monte Everest, a un’altitudine di 29.829 piedi (8.848 metri). Poi morirono durante la loro discesa dalla montagna, probabilmente il 9 giugno 1924.

Nel 1933, la piccozza di Irvine fu trovata in alto sulla montagna, confermando che gli alpinisti avevano raggiunto un’altitudine di 28.097 piedi (8.564 m). Nel 1999, una spedizione trovò i resti di Mallory, sulla parete nord dell’Everest, ad un’altitudine di quasi 27.000 piedi (8.230 m). Alcuni alpinisti hanno affermato di aver visto un altro corpo nell’area, forse quello di Irvine. Benchè le prove raccolte siano intriganti, la questione se Mallory e Irvine abbiano raggiunto il vertice prima di morire rimane un argomento di discussione.

L’ultimo volo di Amelia Earhart


Quando l’aviatore americana Amelia Earhart diventò la prima donna a volare in giro per il mondo, era già una delle donne più famose al mondo.

Cinque anni prima, nel maggio 1932, aveva fatto farlare di sè come la prima donna a volare in solitaria senza scalo attraverso l’Atlantico.

E nel 1935, Earhart realizzò il primo volo in solitaria da Honolulu, Hawaii, a Oakland, in California. Come tale, il mondo stava osservando nel luglio del 1937, quando l’aereo che trasportava Earhart e il suo navigatore Fred Noonan nel loro tentativo di round-the-world scomparve nell’Oceano Pacifico.

Earhart e Noonan decollarono il ​​2 luglio, da Lae in Papua Nuova Guinea, diretti a Howland Island. La loro prossima fermata di rifornimento, a circa 4.150 km di distanza, attraverso l’oceano.

Mentre si avvicinavano a quello che pensavano fosse l’isola di Howland, Earhart era stabilì un contatto radio con una nave della Guardia Costiera degli Stati Uniti per guidarli. Ma gli ultimi messaggi radio di Earhart indicavano che non era in grado di localizzare la nave o l’isola.

La baronessa delle Galapagos


Eloise Wehrborn de Wagner-Bosquet, conosciuta come la “baronessa delle Galapagos”. Era una giovane donna austriaca scomparsa nel 1935 nella remota isola di Floreana nell’arcipelago delle Galapagos, nell’Oceano Pacifico orientale.

Floreana era diventata famosa in Germania dopo essere stata “colonizzata” nel 1929 da una coppia tedesca, Friedrich Ritter e Dore Strauch. Questa coppia guadagnò una vita primitiva in una casa fatta di rocce e legni. La loro celebrità attirò altre famiglie tedesche a Floreana, cercando ciò che vedevano come uno stile di vita utopico.

Nel 1933 arrivò la “baronessa”, insieme ai suoi due giovani amanti tedeschi, Robert Philippson e Rudolf Lorenz, e un servo ecuadoriano. Dopo aver sistemato la casa sull’isola, annunciò i piani per la costruzione di un hotel di lusso. Nel frattempo costruì una reputazione per la vita fiammeggiante tra i semplici coloni di Floreana.

Il 27 marzo 1934, la baronessa e il suo amante Philippson scomparvero. Un altro colono tedesco affermò di essersi imbarcato su uno yacht di passaggio diretto a Tahiti. Ma a quell’epoca non c’erano registri di uno di questi yacht in visita alle Galapagos. Pochi giorni dopo, l’altro amante della baronessa, Rudolph Lorenz, lasciò in fretta Floreana in una barca con un pescatore norvegese, diretto verso il continente sudamericano. I loro corpi mummificati furono trovati mesi dopo, bloccati su un’isola senz’acqua dove la loro barca era affondata.

I ricercatori ipotizzano che Lorenz abbia ucciso la baronessa e Philipson. Inoltre che altri coloni lo abbiano aiutato a coprire gli omicidi, ma la scomparsa della baronessa delle Galapagos non è mai stata risolta.


L’avvelenamento del polo sud


Il 12 maggio 2000, nel bel mezzo del buio inverno antartico, un astrofisico australiano di nome Rodney Marks morì per una malattia improvvisa e misteriosa.

Questo accadde alla Amundsen-Scott Station, la base di ricerca scientifica americana situata al Polo Sud geografico.

Dato che i voli invernali per il Polo Sud sono pericolosi, il suo corpo è stato tenuto ghiacciato fino alla primavera. Quando viene trasportato in Nuova Zelanda. Un’autopsia rivelò che era morto per avvelenamento da metanolo, probabilmente inghiottendo il metanolo senza saperlo.

Si avviò un’indagine, che comprendeva il tentativo di intervistare fino a 49 persone che avevano soggiornato all’Amundsen Scott Station con Marks. La polizia della Nuova Zelanda ha escluso il suicidio e ha pensato che fosse improbabile che Marks si fosse accidentalmente avvelenato.

Nel 2008, un coroner neozelandese ha stabilito che non c’erano prove che suggerissero un gioco scorretto. Ma gli eventi che circondano l’avvelenamento di Rodney Marks non sono mai stati determinati. Il caso ha guadagnato la reputazione in alcuni media come il primo omicidio al Polo Sud.

La scomparsa di “D. Cooper”


D.B. Cooper è lo pseudonimo popolare di un uomo non identificato. Quest’uomo dirottò un Boeing 727 in volo da Portland a Seattle nel pomeriggio del 24 novembre 1971. L’uomo si è imbarcato con un biglietto intestato a “Dan Cooper”, che è stato in seguito segnalato erroneamente da un filo servizio come “DB Cooper”. Poco dopo il decollo, l’uomo disse ad un assistente di bordo che stava trasportando una bomba. Così le mostrò quella che sembrava una bomba dentro la sua valigetta.

Il dirottatore ordinò quindi ai piloti dell’aereo di atterrare all’aeroporto di Seattle-Tacoma, dove raccolse un riscatto di $ 200.000 e un paracadute, prima di ordinare l’aereo di decollare di nuovo. Ad un’altitudine di circa 3.000 metri (3.000 metri), da qualche parte nel Pacifico nord-occidentale, il dirottatore si paracadutò dai gradini posteriori dell’aereo con il denaro del riscatto e non fu mai più visto.

Nonostante una vasta caccia all’uomo dell’FBI, il dirottatore non è mai stato localizzato o identificato, e gli investigatori dell’ufficio pensano che probabilmente non sia sopravvissuto al suo salto dall’aereo. Ma le teorie e le speculazioni sulla vera identità e sul luogo in cui si trova “D.B. Cooper” abbondano.

Nel 2016, i produttori di un documentario su History Channel hanno affermato di aver identificato il dirottatore come un ex veterano militare di 72 anni che ora vive in Florida.

La scomparsa del volo 19


Il volo 19 si riferisce ad un gruppo di cinque aerei da guerra statunitensi TBF della Navy Grumman che sono scomparsi durante un volo di addestramento diurno al largo della Florida nel dicembre 1945. Lo strano evento è stato uno degli incidenti che ha dato origine alla leggenda del Triangolo delle Bermuda.

Tutti i 14 aviatori a bordo dei cinque Avengers sono stati persi, così come 13 membri dell’equipaggio su un battello della Marina che è stato inviato per cercarli. Nessun relitto o cadavere dei Vendicatori o della nave volante sono mai stati trovati.

La scomparsa del Volo 19 contribuì a alimentare l’idea di un Triangolo delle Bermuda tra la Florida, Porto Rico e Bermuda, dove si presumeva un numero elevato di sparizioni di aerei e navi – sebbene la Guardia Costiera degli Stati Uniti riferisca che il numero non è niente fuori dall’ordinario.

Nondimeno, il Volo 19 è diventato un caposaldo della mitologia del Triangolo delle Bermuda ed è spesso collegato a storie del soprannaturale o degli UFO. Ad esempio, nelle scene di apertura del film di fantascienza del 1977 di Steven Spielberg “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, gli aerei del Volo 19 vengono scoperti in un deserto in Messico, e gli avieri del Volo 19 tornano sulla Terra nella nave madre aliena nel scene finali del film.

Il caso Wallace

L’omicidio nel 1931 della casalinga Julia Wallace nella sua casa di Liverpool, nel Regno Unito, ha affascinato per decenni ricercatori e scrittori di reati. Il marito di Wallace, un venditore di assicurazioni di nome William, aveva ricevuto un messaggio che gli chiedeva di visitare un indirizzo in “Menlove Gardens East” il 21 gennaio 1931. Supponendo che fosse un responsabile delle vendite, William provò a partecipare all’appuntamento, ma trovò che una strada del genere non esisteva. Ha affermato che quando è tornato a casa, ha scoperto che sua moglie era stata brutalmente assassinata nel soggiorno.

William Wallace è stato condannato per omicidio di sua moglie, ma la condanna è stata annullata in appello, quindi Wallace ha evitato la condanna della morte per impiccagione. Ricercatori storici hanno ipotizzato che l’omicidio sia stato commesso da uno dei colleghi di Wallace, che era stato licenziato dopo che Wallace l’aveva accusato di appropriazione indebita.

Ma nel 2013, lo scrittore di reati britannico P.D. James, che ha studiato il caso per i suoi libri, ha scritto sul Sunday Times che crede che Wallace abbia effettivamente ucciso sua moglie. Ha aggiunto che pensava che lo scherzo chiamasse “Menlove Gardens East” nella stessa notte era solo una coincidenza.


Il caso Taman Shud


La morte più misteriosa dell’Australia è conosciuta come il caso Taman Shud, dalle parole persiane stampate su un pezzo di carta nella tasca di un uomo trovato morto su una spiaggia a sud della città di Adelaide nel dicembre del 1948.

Nessuna identificazione è stata trovata sul corpo – solo un biglietto ferroviario, un pettine, alcune sigarette e il pezzo di carta con “Taman Shud” stampato su di esso, che significa “The End” in Persiano. Il foglio era stato strappato da una rara edizione di un libro di poesie, il “Rubaiyat di Omar Khayyam” e “Taman Shud” sono le ultime due parole di quel libro.

Il mistero si approfondì quando un patologo che eseguì un’autopsia sospettò che l’uomo fosse stato avvelenato. La polizia ha anche trovato una copia del libro di poesie con le parole “Taman Shud” strappate e altre pagine piene di quelle che sembravano lettere scritte a mano in codice. Il libro conteneva anche un numero di telefono, che ha portato la polizia a una donna australiana. Ha affermato di non conoscere il morto e ha detto che un tempo aveva posseduto il libro ma lo aveva prestato a qualcun altro.

Nel 2009, Derek Abbott, un professore della Scuola di Ingegneria Elettrica ed Elettronica presso l’Università di Adelaide, propose che le lettere in codice nel libro fossero tracce di una crittografia manuale o decrittazione di un messaggio usando un pad singolo – uno spionaggio tecnica che può essere basata sul testo di un libro (in questo caso, probabilmente il “Rubaiyat di Omar Khayyam”).

La scoperta potrebbe dare peso all’idea che la morte nel caso Tamud Shud fosse legata a un anello di spionaggio straniero operante in Australia. Ma l’identità del morto rimane sconosciuta.

L’incidente del Dyatov Pass


Nel febbraio del 1959, i cercatori dei Monti Urali settentrionali in Russia trovarono il campeggio abbandonato di una squadra di nove persone che mancava da sci per diverse settimane. La tenda era stata strappata a metà, apparentemente dall’interno, piena di scarpe e altri oggetti, mentre diverse serie di impronte, in calzini o a piedi nudi, portavano via nella neve.

I corpi di tutti e nove gli escursionisti sono stati infine recuperati, nel maggio di quell’anno, dopo che la neve si era sciolta. Molti erano morti per ipotermia, ma due avevano i crani fratturati, due avevano le costole rotte e uno mancava la lingua.

Il caso è diventato noto come Incidente del Dyatov Pass, dopo il nome del leader del gruppo, Igor Dyatov. La festa era composta per lo più da studenti o laureati dell’università di Ekaterinburg nella regione russa di Sverdlovsk.

Sebbene l’inchiesta ufficiale sovietica abbia scoperto che la causa delle morti era una “forza naturale irresistibile” – probabilmente una valanga – non c’è ancora una chiara spiegazione degli eventi accaduti al Passo Dyatov. Alcune teorie ipotizzano che il partito sia stato attaccato da animali selvatici o che un panico di massa causato da suoni a bassa frequenza abbia disperso il gruppo. Esistono anche legami altamente speculativi con i presunti rapporti secondo cui gli UFO erano stati visti nell’area vicino a quel tempo.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/lateoriadelcompl/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704